Pubblicato in: Salute e benessere

Qual è l’umidità ottimale all’interno della casa?

di Alessia 8 gennaio 2009

umidita1

A volte penso che in casa mia il livello di umidità sia più simile a quello di una zona remota della foresta Amazzonica che di una piccola villetta in Emilia Romagna. Incuriosita da quello che possiamo rischiare a livello di salute, io e la mia famiglia, ho iniziato ad informarmi su qual è il tasso di umidità ottimale, e la relativa temperatura, per ottenere il massimo benessere possibile. La temperatura dell’ambiente in cui viviamo è solo un parametro parziale per verificare se la nostra casa costituisce un rifugio sicuro al riparo da acari, allergie, muffe, batteri e virus. L’altro dato fondamentale, che non deve mai essere sottovalutato, è appunto l’umidità presente nell’aria.

Per umidità relativa si intende la quantità d’acqua presente nell’aria ad una data temperatura, rispetto alla quantità massima di vapore acqueo che l’aria può contenere a quella temperatura, quando è satura. L’umidità dell’aria è uno dei parametri da cui dipende il massimo benessere termoigrometrico negli ambienti in cui si vive. Un livello troppo alto o troppo basso dell’umidità può influire negativamente  sulla nostra salute, soprattutto per quanto riguarda l’apparato respiratorio.

Di solito, con un’umidità relativa del 60%, la maggior parte delle persone avverte una sensazione di caldo afoso quando la temperatura dell’aria supera i 24,8°C; allo stesso modo con un’umidità del 80% si inizia a provare disagio da freddo umido con una temperatura al di sotto dei 2,2°C. All’interno della propria abitazione la temperatura dovrebbe attestarsi intorno ai 20-22° C con un tasso di umidità intorno al 40-60% nell’ipotesi di persone ferme a riposo. In realtà, esiste un ventaglio di combinazioni molto più ampio di questo.

Chi ama temperature più fredde può abbassare il termostato fino a 18-19°C e conseguentemente alzare il livello di umidità relativa sopra a 80%. Al contrario chi preferisce temperature più elevate, perché magari tra le pareti domestiche vivono anche bambini ed anziani, può alzare le temperature fino a 23°C ma abbassare con il deumidificatore l’umidità relativa al 40%. Al di sotto di questa soglia non è consigliabile scendere perché l’aria diventerebbe troppo asciutta causando un’evaporazione eccessivamente intensa delle mucose bronchiali e quindi secchezza nelle vie respiratorie. La regola migliore rimane sempre quella di non esagerare con il deumidificatore e arieggiare i locali regolarmente creando correnti d’aria.

Sullo stesso argomento potresti leggere:

39 risposte a “Qual è l’umidità ottimale all’interno della casa?”

  1. ehooo scrive:

    -…può alzare le temperature fino a 23°C ma abbassare con il deumidificatore l’umidità relativa al 20%.-

    Ma prima di scrivere cretinate forse sarebbe meglio accendere il cervello. Provaci a tenere 23°C con l’umidità al 20%, dopo un po’ avrai tosse, gola secca e se hai allergie stagionali o anche agli acari ne risentirai maggiormente.
    Non so i valori esatti, ma almeno parlo per esperienza, credo che l’umidità ottimale, d’autunno ed inverno sia quasi sempre superiore al 40%.

  2. enzo scrive:

    Umidità del 20% ?!? Evidentemente non l’hai mai provata!
    Però ascolta un consiglio: meglio che eviti di parlare di quello che non sai!

  3. alessia scrive:

    Mi scuso con i lettori perchè il dato che è stato inserito del 20% è evidentemente errato. Come viene specificato poco sopra il tasso di umidità deve essere intorno al 40-60% quindi non si deve scendere sotto il 40%.

  4. meteoman scrive:

    “Chi ama temperature più fredde può abbassare il termostato fino a 18-19°C e conseguentemente alzare il livello di umidità relativa a 80-100%”

    ma stiamo scherzando? 80 % di umidità è insopportabile, per non parlare del 100 %…con il 100 % di umidità relativa si ha la condensazione, quindi si forma la rugiada dentro casa.

    Questi sono sfondoni enormi, così come quelli sul 20 % di u.r., prontamente segnalati.

    Cancella questo articolo o modificalo completamente!

  5. Anonimo scrive:

    Ma è incredibile che si scrive un articolo su un argomento così importante con tanta leggerezza!!! Vivo in Canada e con l’umidità al 20% è un disastro… sempre! Si seccano tutte le mucose e ti ammali immediatamente! E’ veramente pericoloso!
    Ma se devi copiare, almeno copia bene o fai dei confronti!

  6. me stesso scrive:

    perchè non sistemi i valori errati riportati nell’articolo? la pagina è ben linkata dai motori di ricerca, mi sembra il minimo una correzione!

  7. igor scrive:

    ahahahahah un articolo di successo direi :-)

  8. Alessia scrive:

    Mai avuto un tale successo!
    A parte gli scherzi i dati sono stati sistemati.

  9. Integratori scrive:

    Ahh ecco, perchè avevo letto delle cose incredibili!

  10. Giuseppe Curcio scrive:

    Io credo che l’umidità equilibrata sia 50% senza prtese
    dico questa cosa perhè non me ne intendo, esprimo una
    mia impressione.
    in ogni caso chiedo scusa.

    GIUSEPPE CURCIO

  11. r70 scrive:

    cercando “umidita’ ottimale” su google, il primo sito trovato e’ questa montagna di sciocchezze.
    Non si puo’ fare nulla?

  12. Simone scrive:

    Servono risposte certe, non considerazioni da persone che forse ne sanno e forse non ne sanno…

  13. giuliana scrive:

    certo che per avere le idee chiare basta leggerv!!

  14. giuliana scrive:

    che alla fine se ne sa meno di prima :O

  15. oba scrive:

    quindi cosa consigliate?

  16. mario scrive:

    Devo impostare un deumidificatore per un funzionamento ottimale e speravo di trovare riferimenti certi sul valore della umidità ottimale negli ambienti. ho trovato solo considerazioni che avrei potuto fare da solo.

  17. gianni grisanti scrive:

    Faccio il parquettista, ( pavimenti in legno) e da 35 anni ho a che fare con l’umidità ambientale, sopratutto in questo periodo faccio continue misurazioni con l’igrometro e trovo sempre l’umidità sotto il 30%, in alcuni casi 20/25%,in queste condizioni l’ambiente non è vivibile, ci si ammala facilmente, consiglio sempre ai miei clienti di acquistare un piccolo umidificatore elettrico sopratutto per chi ha il riscaldamento a pavimento,con i termosifoni basta tenere le vaschette piene d’acqua,l’umidità ideale va dal 45 al 55%. Un cordiale saluto

  18. severino scrive:

    un umidificatore, non dico buno, ma di discreta qualità sotto il 30% non va.

  19. Geppo scrive:

    Sono delle fresca ce

  20. William scrive:

    Io vive in Libano. E in Libano poca umidita, molto caldo e noi stare bene, gli ossi sono belli asciutti come legni per caminetto, che fanno poco fumo. Nostra umidita media durante l’anno e circa 32,15 % , la temperatura pero conta anche ed essere circa 28 gradi. Certo quando fa caldo caldo ci sudano anche le mutande ma in quel caso noi le cambiamo subito. Saluti da libano e state attenti all umidita

  21. Lino De Carolis scrive:

    Ciao a tutte le donne incinta ed in procinto di sposarsi per fare matrimonio combinatore. Vi volevo segnalare che suono il sax ai matrimoni, ma solo quelli combinati.
    Ciao

  22. Lino De Carolis scrive:

    Ciao a tutte le donne incinta ed in procinto di sposarsi per fare matrimonio combinatore. Vi volevo segnalare che suono il sax ai matrimoni, ma solo quelli combinati.
    Ciaociao

  23. rita scrive:

    io vivo a Gradoli (vt),in inverno,con una temperatura interna di 16°/17° e con una umidità del 65/70% ho una condensa spaventosa sulle finestre e la porta di casa e la muffa sulle pareti e sul soffitto,quindi i valori che consigliate sono tutti sbagliati.

  24. Adsrubale scrive:

    Io vivo a Campobasso. Ho i muri marci e puzzolenti a causa dell’umido. ogni tanto fa talmente umido che mi cola acqua dalla fronte, ma mica mi lamento , ci sono cose peggiori. Fortunato William che almeno è bello asciutto

  25. Adsrubale scrive:

    io vivo a Palermo. quando fa molto umido ci facciamo un bagno nel mare, poi ci facciamo la doccia altrimenti ci puzzano di marcio le ascelle

  26. Gunther scrive:

    Salve a tutti. Io sono convinto che l’umidità ci debba essere, altrimenti ci resteremmo tutti secchi

  27. Astrid Kamal scrive:

    Gunther sei davvero un fenomeno; come potrebbe non esserci umidità? pensa solo a tutta l’acqua che c’è nei mari; se non ci fosse umidità non ci sarebbero neppure i pesci!!!! E senza pesci non ci sarebbero i pescatori e tutto il mercato ittico. Allora dovremmo mangiare solo bistecche di manzo e ci verrebbe la gotta, almeno sul lungo periodo. A questo si potrebbe ovviare facendo più sport e mangiando più verdura ma non so se basterebbe. Io in casa tengo sempre i rubinetti aperti per creare umidità, comunque. spesso mi toca anche bagnare i muri con il tubo della doccia perchè c’è un secco bestiale

  28. Pasquale Umidozzi scrive:

    ecco allora dico la mia.
    Secondo me non deve essere nè troppo secco nè troppo umido. scusate se esprimo il mio parere ma non ci capisco nulla e viaggio sempre col condizionatore acceso proprio per evitare problemi.
    Spesso infatti mi sentivo la bocca asciutta anche se sudavo abbondantemente dalle ascelle che tra l’altro potete immaginare a fine giornata. Da quando invece uso il condizionatore almeno le ascelle sono sempre abbastanza asciutte.

  29. asia scrive:

    salve a tutti, spero mi possiate aiutare,il 1 settembre 2012ho preso in affitto un immobile, con contratto di locazione normalmente registrato al foro di Cagliari, appena preso possesso faccio richiesta al padrone di casa del codice pod per la voltura di energia elettrica,ma, ahimè il qui sopracitato non me lo ha potuto fornire, perchè il vecchio conduttore ( tra l’altro moroso)non glielo voleva dare, così provo a chiamare Edison energia, che però non me lo può dare;così il 15 gennaio entrando a casa mi accorgo che mi è stata dimuita la corrente, cioè ho solamente la possibilità di accendere una lampadina….e a oggi dopo due settimane e dopo essere riuscita a avere il cod pod, e aver inviato richiesta di voltura di energia elettrica a edison. mi ritrovo ancora con poca energia elettrica e con il rischio di discatto completo della corrente….cosa devo fare? aiutatemi

  30. alessio scrive:

    roma:
    temp. interna 21/21,5
    umidità interna 37/38%
    che dite?

  31. Samantha scrive:

    buongiorno, ho la casa che puzza di marcio; cosa posso fare?

  32. Cavallo scrive:

    salve, ho la casa che puzza di marcio; cosa devo fare?

  33. Anonimo scrive:

    Scusate il disturbo io a casa mia ho 19 gradi con umidità al 73 % va bene o la devo far scendere con il deumificatore grazie

  34. Marvel scrive:

    Ho preso un deumidificatore 16lt/24h. Prima avevo una umidità intorno al 70% a 22 gradi. Poi ho cominciato ad asciugare le due stanze togliendo 7-8 litri in due giorni. Ora lo accendo solo la sera qualche ora e tolgo comunque si 1,5 – 2lt/al giorno. Al mattino l’umidità è al 50-52% a 17°-18°. Le magliette nell’armadio sono finalmente asciutte e non fanno più odori stantii. E a 18 gradi sento molto meno freddo di quanto sentissi prima a 20° con più umidità.
    E’ sicuramente un elettrodomestico importante, ma finchè non lo prendi per problemi evidenti di muffa, non te ne rendi conto.

  35. Dita Umi scrive:

    buongiorno, ci tevevo ad informarvi che con una umidità del 60% come da voi suggerito, la mia casa a forza di avere i muri umidi è crollata; di colpo, il tetto è imploso come una torta di formaggio molle e marcio e per fortuna che il gatto era uscito per fare i bisognini altrimenti ci restava sotto.

    Non avevo pensato di prendere un deumidificatore perchè ero nei valori da voi indicati come ottimali(40 – 60% di umidità); ma secondo voi adesso che cosa cavolo faccio?

  36. neofrancese scrive:

    La combinazione ideale è 18 gradi / 76% perchè io ho questi valori, abito in Francia ed i francesi hanno il clima migliore del mondo.

Lascia un Commento